Palazzo Lanfranchi - Chiesa Madonna del Carmine



Palazzo Lanfranchi prende il nome dal vescovo che, nel Seicento, ne commissionò la progettazione a Frate Francesco da Copertino per ottenere la nuova sede del Seminario Diocesano che fu edificata inglobando la Chiesa del Carmine, il cui ingresso originale, sulla sinistra del palazzo, è visibile sull’adiacente Piazzetta Pascoli. Dal 2003 è sede del Museo Nazionale d'Arte Medievale e Moderna della Basilicata, ed ospita una rassegna di Arte Sacra, una galleria di 70 dipinti della collezione D’Errico, e 44 tele dello scrittore e pittore Carlo Levi.

 

lanfranchi